Archive for the ‘Ministero della Salute’ Category

Prevenzione delle allergie nei neonati, nei bambini della prima infanzia e nei giovani

Prevenzione primaria

Queste raccomandazioni valgono per i cosiddetti «bambini a rischio», i cui genitori e fratelli soffrono di allergie.

  • Fumo
    Assicurare un ambiente senza fumo durante e dopo la gravidanza, smettere di fumare.
  • Allattamento
    Se possibile, per i primi 4-6 mesi allattare esclusivamente.
  • Alimentazione delle donne che allattano
    Alimentarsi in modo equilibrato, non è necessario seguire regimi particolari.
  • Alimenti supplementari
    Introdurre alimenti supplementari soltanto dopo il sesto mese. Evitare alimenti allergenici (latte vaccino, uova, pesce, noci, soia) per i primi dodici mesi.
  • Animali domestici
    Non acquistare nuovi animali domestici pelosi o piumati. Non tenere animali nelle camere da letto.
  • Eliminazione della polvere in casa
    Tenere un arredamento che minimizzi l’accumulo di polvere, soprattutto nella zona notte.

Prevenzione secondaria

Raccomandazioni per bambini e giovani con sensibilizzazioni o sintomi allergici. Le seguenti misure contribuiscono a limitare la comparsa di altre sensibilizzazioni e a evitare ulteriori allergie.

  • Fumo
    Assicurare un ambiente senza fumo, smettere di fumare
  • Animali domestici
    Non acquistare nuovi animali domestici pelosi o piumati. Non tenere animali nelle camere da letto.
  • Eliminazione della polvere in casa
    Ridurre il numero di acari nell’ambiente domestico. Se è accertata una sensibilizzazione agli acari della polvere, utilizzare un rivestimento antiacari per il materasso.
  • Scelta della professione
    Evitare le professioni a grande rischio per i soggetti atopici al fine di prevenire l’insorgere di sintomi allergici sul posto di lavoro o lo sviluppo di altre allergie.
  • Animali domestici
    Non acquistare nuovi animali domestici pelosi o piumati. Non tenere animali nelle camere da letto.
  • Eliminazione della polvere in casa
    Tenere un arredamento che minimizzi l’accumulo di polvere, soprattutto nella zona notte.

Dieta

Se, a causa di un’allergia alimentare accertata, al bambino o alla donna che allatta è prescritta una dieta di eliminazione, questa deve essere seguita sotto regolare controllo medico e con l’assistenza di una dietista.

Immunoterapia

diversi studi hanno dimostrato che l’immunoterapia specifica (chiamata anche iposensibilizzazione) non solo è efficace per il trattamento del raffreddore da fieno e di determinate forme di asma bronchiale, ma ha anche un effetto antiallergico preventivo e può limitare l’insorgere di nuove sensibilizzazioni e allergie. Nei bambini, l’immunoterapia può essere praticata a partire dai cinque anni.

Annunci

Igiene personale, le mani.

Elenco degli ingredienti nei prodotti di pulizia 2

lavadoverde

lavadoverde

ACE Blu Protezione Attiva.

Schede dati degli ingredienti:

Aqua

Sodium Chloride

Sodium Hypochlorite

Sodium Carbonate

Sodium Hydroxide

Sodium C10-16 Pareth Sulfate

Pentasodium Triphosphate

Coconut Acid

Trimethoxybenzoic Acid

Sodium C10-16 Alkyl Sulfate

PARFUM

Colorant

Dimethicone

Silica

Tutte sostante salutari, tanto che è scritto sulla confezione tenere lontani dai bambini, crea problemi agli occhi, ed alla pelle.

Se è pericoloso per i bambini, per gli adulti ?

ACE Blu Protezione Attiva

Mondo LiberoCondividi

Technorati Profile

s4q2ypzdbi

Elenco degli ingredienti nei prodotti di pulizia

lavadoverde

lavadoverde

Presento le caratteristiche dei detergenti venduti nei principali supermercati italiani.

Cillit Bang: 5% Tensoattivi  non ionici, policarbassilati, hexyl cinnamal.

Tutte sostante pericolose per la salute umana. Leggendo l’etichetta posteriore, mi ha sorpreso : per ogni problema di salute contattare il servizio medico al num. 041-5600202.

Tenere lontano dai bambini, causa danni alla pelle, ed agli occhi. Se è pericoloso per i bambini, invece per gli adulti ?

http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20071028175737AAco0M2

http://forum.alfemminile.com/forum/f502/__f150_f502-Delusione-cillit-bang.html

http://odioquellocheamo.wordpress.com/2009/02/12/cillit-bang-unarma-batteriologica-2/

Cillit Bang


Avvelenamento provocato da sostanze corrosive (ammoniaca, candeggina….).

http://www.sirfarma.it/sirfarma/wordpress_dettaglio.php?id=focuson_4

L’intossicazione da sostanze corrosive come la candeggina e l’ammoniaca è oggi all’ordine del giorno, in quanto queste sostanze vengono impiegate soprattutto a casa nelle faccende più comuni. Oltre a questi composti più conosciuti, fanno parte delle sostanze corrosive anche acidi, alcali e le sostanze volatili di origine inorganica  (non contenenti carbonio) come l’acido muriatico (o cloridrico), utilizzati nella composizione dei più svariati prodotti industriali. Essi si presentano sotto forma di  liquidi trasparenti dall’odore prettamente acre, irritante, nauseabondo, pungente e soffocante.

Gli effetti dovuti all’intossicazione di questi composti in genere variano in base al tipo di sostanza assorbita. Alcune sostanze sono percepite dai sensi e sono irritanti anche a basse concentrazioni.
L’assorbimento di alcune di queste sostanze a livello degli alveoli polmonari può provocare la formazione dei radicali liberi che, otre a bloccare la genesi del respiro, si accumulano negli occhi danneggiando così la cornea e la congiuntiva.

Inoltre se si ritrovano nell’aria ad alte concentrazioni possono causare cefalea, nausea, vomito. A contatto con la cute causano dermatiti, ustioni e ulcerazioni gravi, mentre se vengono ingerite determinano l’insorgenza di gravissime ustioni dolenti ed emorragie interne.

I candeggianti che contengono perborato sodico e ipoclorito di sodio, usati generalmente per il bucato, per lavare i piatti e per la pulizia della casa, possono essere molto pericolosi. Il perborato sodico, infatti, se ingerito viene rapidamente assorbito provocando nausea, vomito, diarrea, cefalea, agitazione e a livello cutaneo lesioni con eritemi, mentre nel rene puo essere causa di nefropatia.

L’ipoclorito sodico è irritante al solo contatto. Inoltre l’ipoclorito in presenza di sostanze acide sviluppa cloro sottoforma di gas che è molto tossico per la sua capacità di distruggere il tessuto polmonare. Inoltre le esalazioni di cloro anche a basse concetrazioni irritano gli occhi ed il naso, mentre a concentrazioni più alte danno un senso di soffocamento con secrezioni anche emoraggiche, fino ad arrivare a spami e morte per edema ai polmoni. Inoltre se entra in contatto con l’ammoniaca sviluppa un composto irritante, la clorammina, responsabile della faringite e della polmonite chimica.

L’ammoniaca originariamente si presenta come un gas incolore meno pesante dell’aria, facilmente liquefattibile ed estremamente solubile in acqua. Un’intossicazione può provocare irritazione agli occhi e alle vie respiratorie, avvolte con edema polmonare, edema della laringe o spasmo della glottide.

Qualora si verifichi un episodio di intossicazione bisogna chiamare il 118 o il Centro Antiveleni (CAV):

  • Policlinico Gemelli – Roma, 06/3054343
  • Policlinico Umberto I – Roma, 06/490663
  • Ospedale Pediatrico Bambin Gesù – Roma, 06/68592763

E’ da ricordare che bisogna tenere queste sostanze lontano dalla presenza dei bambini in quanto essi potrebbero ingerirle con conseguenze molto gravi come descritto sopra, infatti bastano pochi ml di ipoclorito di sodio (candeggina) per avere un effetto letale.

www.pg.com

http://www.bedo.it/blognewss/

http://www.diregiovani.it/gw/producer/dettaglio.aspx?id_doc=2360

candeggina

candeggina